Il pianeta dei Venti

George R.R. Martin e Lisa Tuttle
Il pianeta dei Venti
Traduzione di Roberta Rambelli
Editrice Nord, Narrativa d’anticipazione, 1983

Windhaven è un romanzo scritto nel 1981 da due giovani autori e che racconta la storia di un mondo di piccole isole, insidiose tempeste e pericolosi oceani, un mondo popolato dai discendenti dei reduci di un incidente spaziale. Gli abitanti hanno distrutto i resti della propria nave per ricavarne i metalli rarissimi nel pianeta, e con essi hanno costruito ali sottili che li hanno resi in grado di volare.
Generazioni dopo, nelle varie isole si sono evolute culture diverse, ma in tutte gli eredi dei primi possessori delle ali sono divenuti una classe privilegiata. I volatori, in ogni luogo, sono al di sopra della legge, e il loro status è da sempre tramandato di padre in figlio.
La protagonista del romanzo è Maris, la figlia di un pescatore che, adottata da un volatore, impara a volare. Ha un grande talento naturale, molto superiore a quello di molti volatori per diritto ereditario, ma la tradizione vuole che debba cedere le ali al fratello Col, il vero erede del suo padre adottivo. Col non sa volare bene, ha
paura, e il suo unico desidero è diventare un cantore e viaggiare con il suo maestro Barrion tra le isole per nave.
Da qui inizia un solido racconto di “lotte di classe”, dove Maris sfida le tradizioni con le proprie idee radicali, e vince! Ma le tradizioni sono dure da abbandonare. I privilegi secolari dei volatori hanno creato in loro un sentimento di superiorità, e li hanno resi invisi e arroganti per gran parte della popolazione.
Il Pianeta dei Venti non ha un intreccio complicato o enormi colpi di scena. La storia è semplice e lineare. I protagonisti, pur se ben descritti, non hanno background complessi o piani segreti di alcun genere. Il libro è una lettura semplice e gtradevolissima, nel quale gli autori hanno fatto un eccellente lavoro nel descrivere le difficoltà di una società posta di fronte alle esigenze di cambiamento dettate dal passare dei secoli. Sia i volatori che i “terragnoli” sono profondamente toccati dagli eventi causati dagli sforzi di Maris, e in contrasti descritti sono verosimili e fanno riflettere, oltre che intrattenere.

Jack Barron

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. Fra X

     /  12 febbraio 2014

    L’ ho giusto finito di leggere. Proprio un bel libro!
    La copertina della prima edizione della Nord non è che ci azzecchi con tutto il rispetto.

    Rispondi
  2. Concordo: è proprio un bel libro e recentemente la Mondadori ha fatto giustizia anche per la cover ripubblicandolo negli Oscar Grandi Bestsellers.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...