» l’Edicol@

1388440608_newsstand_ios7_ios_7Pagine
selezionate
dalla stampa
nazionale online

_______________________________________________________START

minima&moralia (30 marzo 2014)
Perché la fantascienza non viene ancora considerata letteratura a tutti gli effetti?
Un breve saggio di uno scrittore e saggista statunitense ma conosciuto anche in Italia, che in qualche modo riassume il suo amore per letteratura cosiddetta di genere.
di Jonathan Lethem

QELSI Quotidiano (22 febbraio 2014)
Tre cose che la Littizzetto non sa su Bambini Down e Nutella
“C’è un problema tra la gente”. È vero, ha ragione la Conad. Questo problema ha un nome: Luciana Littizzetto.
di Vito Kahlun

Internazionale (7 febbraio 2014)
Eterna
Tutte le sere per cinque anni, tra il 1989 e il 1994, Andrea Barbato, giornalista della tv e della carta stampata, ha indirizzato da Rai3 una cartolina a persone più o meno famose. Il 25 febbraio 1992 la cartolina fu per Beppe Grillo.
di Giovanni De Mauro

la Repubblica (29 gennaio 2014)
Fisica, dopo 80 anni confermate le teorie di Dirac: i monopoli magnetici esistono
Il premio Nobel aveva teorizzato la loro esistenza nel 1931. Dopo le particelle a carica elettrica, dimostrata la presenza di elementi con poli magnetici “separati”. Questa scoperta è un’ulteriore conferma di alcune moderne teorie come quella delle stringhe
di redazione R.it scienze

RaiNwes (18 gennaio 2014)
La fantascienza è in latino.
È in libreria l’unica antologia al mondo in una lingua tutt’altro che morta. L’idea di scriverla? Uno strano incontro con Don Tonino, vescovo di Molfetta
di Laura Squillaci

ilSole24ore (17 gennaio 2014)
La coscienza è un effetto quantistico: Roger Penrose rilancia la sua teoria
Cosa ci rende degli esseri coscienti? Quello della natura della coscienza è uno dei più grandi enigmi scientifici ancora irrisolti, origine di un vasto e complesso dibattito.
di Marco Passarello

Wired (15 gennaio 2014)
Come ho fregato tg, politici e giornali con qualche riga su Wikipedia
I giornalisti verificano le proprie fonti? A giudicare dal nostro esperimento, ben poco.
di Daniele Virgillito

ilFattoQuotidiano (14 gennaio 2014)
Chirurgo in Uk, a 34 anni trapiantò polmoni su bebé. In Italia sarebbe precario
Simone Speggiorin cura i bambini con malformazioni cardiache, fa tre interventi alla settimana a cuore aperto e la BBC gli ha dedicato uno speciale radiofonico. “Il 28 agosto 2013 mi è arrivata una lettera a casa in cui mi invitano a partecipare al concorso indetto tre anni fa. Io gli ho telefonato e gli ho detto ‘No, grazie’. Questa è l’Italia”
di Chiara Daina 

Carmilla online (14 gennaio 2014)
Certificare il precariato, didattizzare lo sfruttamento
È notizia di questi giorni che il Comune di Brescia ovvierà alla scarsità di fondi ormai drammatica in cui versano le scuole di questo Paese con una iniziativa, che si rivela deleteria su almeno due fronti, e creerà molti più danni di quanto beneficio potrà apportare.
di Claudia Boscolo

Corriere della sera – Scienze (14 gennaio 2014)
Robot, schermi touch e università online, come Asimov si immaginava il 2014
Cinquanta anni fa, nel 1964, lo scrittore Isaac Asimov, notissimo per i suoi romanzi fantascientifici, scrisse un pezzo per il New York Times con le sue previsioni per il mondo del 2014, partendo da quanto visto alla Fiera Mondiale di New York.
Foto da paleofuture.gizmodo.com

Internazionale (7 gennaio 2014)
La prima foto della Terra dalla Luna
Il 24 dicembre 1968 gli astronauti dell’Apollo 8 Frank Borman, James Lovell e William Anders mentre erano in orbita intorno alla Luna videro la Terra sorgere dalla superficie lunare e scattarono una foto. Era la prima foto della Terra vista da un altro punto del sistema solare.
redazione

Internazionale (30 dicembre 2013)
C’è bisogno degli Asini
Sul modo in cui bisogna o non bisogna insegnare a scuola non si trova, nei mezzi d’informazione, un dibattito ampio e approfondito quanto la serietà dell’argomento richiederebbe.
di Claudio Giunta

la Repubblica (29 dicembre 2013)
La parola al computer. Trent’anni di Word
“Scoprii improvvisamente il bisogno estremo di interfacciarmi. Solo non sapevo cosa volesse dire”. Da quando è stato rilasciato il programma di scrittura oggi più diffuso sul pianeta, il nostro modo di comporre non è più lo stesso: non serve pensare prima di scrivere. E tutta questa libertà ci illude che sia più facile
di Stefano Bartezzaghi

D la Repubblica (27 dicembre 2013)
A lezione dai mostri: cosa può insegnarci la fantascienza?
La letteratura fantascientifica aveva un impatto potentissimo sull’immaginario popolare, oggi il genere è residuale, impolverato. Eppure all’interno di quella narrativa si trovano sogni e simboli da conservare e riscoprire. Anche in chiave pedagogica, per aiutare i ragazzi a “pensare al futuro” e addirittura a riflettere sull’identità di genere. Abbiamo intervistato uno scrittore e un professore di pedagogia, autori di un recente libro sul tema, per saperne di più.
di Michele R. Serra
________________________________________________________END

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...